Novità nel Blog

DSC_0958.JPGCome avrete notato, qualcosa nel blog è cambiato; recentemente il sistema .myblog è confluito nel sistema .wordpress per scelte che non derivano dai gestori.

Stiamo attendendo per comprendere in termini pratici che cosa comporterà questa migrazione e valutare le scelte future.

Scusate e grazie per l’attenzione.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Taglio illegale di alberi nell’Oasi

//wwfcb.myblog.it/media/02/00/3467137050.jpg

E’ di alcune settimane fa la notizia che i Carabinieri di Guardiaregia hanno arrestato un uomo sorpreso in flagrante mentre tagliava abusivamente un grosso faggio, alto circa 20 metri, nel territorio dell’Oasi WWF. Il furto di legna è un problema annoso della zona, per affrontare il quale occorrerebbero più controlli sul territorio. Nella foto, l’abero tagliato e sottoposto a sequestro.
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Cantine Di…Vine 2013

//wwfcb.myblog.it/media/01/02/16974892.jpg

Torna la manifestazione “Cantine Di…Vine”, che si svolgerà nel centro storico di Guardiaregia il 9 e 10 novembre.
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Parco Nazionale del Matese: nuovi passi

//wwfcb.myblog.it/media/02/01/2646817827.jpg

Legambiente Molise e il Bene Comune organizzano, a seguito del numero speciale sul Parco del Matese di Luglio 2013, un tavolo di confronto in previsione degli Stati generali delle Aree Protette di Federparchi (Novembre 2013). L’incontro si terrà il prossimo 25 ottobre alle ore 10 alla sala Parlamentino della Regione Molise in Via Genova. 
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Convegno sul Lupo

//wwfcb.myblog.it/media/02/02/3942706508.jpg

La Riserva Regionale WWF di Guardiaregia-Camnpochiaro organizza, per il 17 novembre prossimo, un interessante Convegno sul Lupo.
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Dal Convegno “Vie d’acqua”, tante chiacchiere e poche idee.

//wwfcb.myblog.it/media/01/00/2676708888.jpg

Tante chiacchiere e poche idee da attuare: questo il risultato del Convegno “Vie d’acqua” tenutosi alla Piana dei Mulini. Un guazzabuglio di interventi privi di un filo logico, che ha ben presto annoiato i presenti. 
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

400 miliardi di alberi in Amazzonia

Contati gli alberi dell’Amazzonia: sono quasi quattrocento miliardi
È il primo censimento: 16mila specie, 6mila a rischio estinzione
 
NEW YORK, 21 OTTOBRE 2013 – TRECENTONOVANTA miliardi di alberi appartenenti a 16.000 specie diverse: questa è la fotografia della foresta amazzonica scattata dal primo censimento di questo tipo mai realizzato e pubblicato su Scienze dopo dieci anni di lavoro.
Un’opera ciclopica cui hanno partecipato oltre cento esperti di 88 istituzioni scientifiche del mondo che sono riusciti alla fine a coprire l’insieme dell’enorme bacino del Rio delle Amazzoni, diviso tra Brasile, Perù, Colombia, Guyana e Suriname.
Gli autori del progetto spiegano che l’enorme distesa di territorio e le difficoltà di accesso avevano fin qui impedito una catalogazione dell’incredibile varietà di specie, rendendo quindi impossibile poter accertare quali fossero quelle a rischio.
In base alla ricerca, la metà degli alberi catalogati appartengono a sole 227 specie e le specie dette iperdominanti raggruppano solo l’1,4% degli alberi della foresta. Secondo un modello matematico utilizzato per la ricerca, in Amazzonia ci sono 6.000 specie di alberi rari, che contano meno di mille
esemplari, cosa che le inserisce tra quelle in pericolo di estinzione secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura.
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

“Adristorical Lands” sul Matese

//wwfcb.myblog.it/media/00/02/2975030153.jpg

Turismo: al via il tour a cavallo tra natura, storia e arte

14 ottobre, 18:56

Fine modulo

 (ANSA) – CAMPOBASSO, 14 OTT – “Presentareil Molise ospitando in Molise”. Così il presidente della Regione, Paolo diLaura Frattura, in occasione dell’Educational tour in programma da domaninell’ambito del progetto interregionale e transfrontaliero “AdristoricalLands”.

Giornalisti selezionati di testate nazionali e internazionali, blogger eoperatori della comunicazione turistica, visiteranno alcuni dei luoghi piùsuggestivi del territorio regionale per conoscere da vicino i sapori, labellezza del paesaggio, della tradizione, della storia e dell’arte molisana.Viaggi unici, in quattro tappe, tra memoria, futuro, spazio, suono estraordinarie esperienze.

“Forti dell’esperienza di successo con il coinvolgimento di ‘PiacereMolise’ – ha spiegato il Governatore – riproponiamo, all’internodell’Adristorical Lands, un valido modello di promozione e valorizzazioneturistica del nostro territorio. Ai nostri ospiti, venti professionisti delsettore tra operatori, giornalisti e blogger turistici, con questa fullimmersion nelle bellezze del nostro territorio daremo la possibilità di unaconoscenza diretta, senza filtri, di alcuni dei nostri borghi piùcaratteristici, permettendo loro di ammirare, gustare e assaporare i tesori,non solo artistici e storici delle località visitate, ma anche le eccellenzeenogastronomiche dei territori che attraverseranno”. Per Frattura sitratta di un’occasione straordinaria “che ci consente di far conoscere aimedia e ai maggiori opinionisti del settore la qualità del nostro Molise, unitaai servizi che offriamo. Da una più rilevante presenza di esperti sulterritorio potremo scommettere per il futuro e per uno sviluppo reale delturismo molisano, anche grazie agli spazi maggiori che riusciremo a conquistarenelle riviste specializzate”.

Il primo viaggio è destinato agli amanti della soft avventura.

Da domani, e per tre giorni, a cavallo attraverso l’oasi Wwf del Parco diGuardiaregia (Campobasso) e le suggestive montagne del Matese. Anche il secondotour, dal 21 al 24 ottobre, durerà tre giorni: tutti in treno lungo la trattaferroviaria Carpinone-Sulmona. La visita di fine ottobre sarà preceduta da uninteressante convegno, durante il quale si tratteranno i temi principali delprogetto e si valuteranno i primi risultati ottenuti. (ANSA).

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Le Vie d’Acqua alla Piana dei Mulini

//wwfcb.myblog.it/media/02/01/4116717704.jpg

Domenica 20 ottobre la Piana dei Mulini ospiterà la manifestazione “Le vie d’acqua”, finalizzata a richiamare l’attenzione sulla risorsa acqua intesa come possibilità turistica e naturalistica. Tra gli interventi previsti, anche quello del WWF Molise.
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Trento, ucciso l’Orso M2.

//wwfcb.myblog.it/media/02/00/2925512894.jpg

Trento, l’orso M2 ucciso a colpi di fucile.
da: repubblica.it :
TRENTO – Gliel’avevano giurata in tanti, all’orso, in quella primavera del 2012 quando sui versanti della val Rendena e della valle di Rabbi (Trentino) i pastori avevano trovato sbranati dieci asini e alcune manze. E l’altro giorno l’orso “colpevole” di quei misfatti – nome in codice M2, discendente degli orsi importati fra il 1998 e il 2002 dalla Slovenia – è stato trovato morto. Mica di morte naturale o per un incidente: nella zampa aveva infatti un proiettile d’arma da fuoco (di quelli che si usano per la caccia al cervo) e i forestali sono alla ricerca dei bracconieri o di chi si è fatto giustizia da sé. Non accadeva da almeno quarant’anni nei boschi del Trentino, dall’epoca in cui i plantigradi sulle Dolomiti erano quasi estinti, sconfitti dalle battute di caccia che tra l’Ottocento e il Novecento erano state organizzate per liberare i boschi dagli orsi prima che quest’animale, nel 1939, venisse dichiarato protetto.
Povero M2, colpito da una fucilata quando era ormai in vista del letargo: chissà se ha avuto il tempo di capire cos’è successo, chissà se ha sofferto nella sua fuga zoppa e disperata nel bosco fino ad accasciarsi a terra. E dire che quest’anno – dopo le scorribande dell’estate scorsa, quando venne inseguito a lungo dai forestali con i fucili caricati a pallini di gomma – si era messo tranquillo: “Ho le api in quella zona – spiega Fernando Pedergnana, assessore all’ambiente di Rabbi – e negli ultimi mesi non ho avuto problemi”. Lo avevano catturato, gli avevano messo un radio collare, il peggio sembrava passato. E ora invece per quell’esemplare di 210 chili steso a terra qualcuno starà brindando: uomini contro orsi, come cent’anni fa.
I cacciatori non ci stanno ad essere i primi indiziati: “Non siamo noi quelli a cui l’orso dà fastidio – spiega il presidente dei cacciatori trentini Giampaolo Sassudelli – ma se verrà fuori che il responsabile è uno dei nostri gli ritireremo la licenza a vita”. I forestali trentini – per cui gli orsi sono diventati un punto di orgoglio – fanno notare che “l’orso non ha mai attaccato le persone”. Avvistamenti tanti: lungo le strade (19 investimenti negli ultimi dieci anni), nei boschi, sui sentieri, addirittura in paese, sulle piste da sci e nel mezzo di un laghetto alpino a fare il bagno. Aggressioni alle persone? Nessuna. 
Eppure contro l’orso M2 (e i suoi fratelli) è stato fondato persino un comitato: “Basta orsi” era scritto sugli striscioni dopo la strage di asini e vitelli. Wanda Moser portò la carcassa della sua asina nella piazza del paese: “Tutti devono vedere il dolore che questo animale ha procurato”. La consigliera provinciale Franca Penasa ora ribadisce: “La gente ha paura”. E poco importa se la Provincia autonoma di Trento concede contributi a chi installa recinti anti-orso e rimborsa i danni subiti: “In Trentino non c’è posto per loro”, denunciano i pastori che vorrebbero riportare questi animali in Slovenia. Dove, per essere chiari, la caccia all’orso è consentita. L’avvertimento giunto dalla Svizzera poche settimane fa sembrava profetico “Tenete a bada i vostri orsi, perché se sconfinano li abbattiamo”. Qualcuno li ha presi in parola.
Ma nel partito dei contrari all’orso (in crescita dopo i primi entusiasmi per l’avvio del progetto di reintroduzione) c’è una certa ingratitudine per tutta la pubblicità che questi animali hanno portato al Trentino, a partire dal 1988 quando Jean Jacques Annaud ambientò in queste vallate il film “L’orso”, in cui un gigantesco plantigrado – a tu per tu con un cacciatore – risparmia la vita all’uomo. Un favore che questa volta non è stato ricambiato.
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento